Informatica, Tecnologia, Fotografia e Design
Fai i tuoi acquisti su Amazon

LINK SPONSORIZZATI

31 March 2010

4 semplici metodi per aumentare il Traffico Interessato sul vostro Blog



Ieri pomeriggio mi è capitato di discutere con alcuni blogghettari sulle metodologie utilizzate per indirizzare nuove visite verso i propri blog, cercando soprattutto di aumentare il traffico interessato; i blog presi in considerazione riguardavano i fumetti, ricette di cucina mentre l’ultimo era un fotoblog personale.

In linea di massima sono argomenti che non interessano quelli che normalmente seguo su Tr3ndy, ma credo che le tecniche utilizzate dai rispettivi proprietari, siano riproponibili anche in altri settori. Vi illustro quali sono state le tecniche comuni.

4 semplici metodi per aumentare il Traffico Interessato sul vostro Blog

Facebook

Molto utilizzato dai miei 3 colleghi soprattutto per quanto riguarda la diffusione e condivisione di nuove informazioni, in particolare: nel campo dei fumetti è uno strumento utilissimo per lo scambio, la raccolta di curiosità e anticipazioni, un gruppo nutrito contribuisce in maniera efficace allo sviluppo del blog.

Anche nel campo delle ricette di cucina è senza dubbio un valido aiuto, nuovi post e scambio di consigli e suggerimenti sono all’ordine del giorno, anche se in questo caso non riesce a fare la differenza; forse perché la concorrenza è davvero elevata e magari gli stessi fan sono anche fan di altre decine di blog simili.

Il fotoblog e Facebook hanno un’unica cosa in comune: la fotografia, ed anche se è possibile aggiornare amici, conoscenti e parenti di un nuovo post, non riesce a diventare una fonte di traffico rilevante, come ci si potrebbe aspettare.

Commenti costruttivi su altri blog attinenti

Ovviamente la tecnica tra le più conosciute ed utilizzata, anche dai neofiti blogger: commentando in maniera costruttiva post attinenti alla propria nicchia, è possibile che la curiosità, sia del blogger padrone di casa che dei suoi lettori, possa attirare nuove potenziali visite. In questo caso si innesca un meccanismo di condivisione dei lettori, che trovando interessante quello che avete scritto sicuramente saranno ben disposti a fare un salto sul vostro blog, e magari mettervi nei preferiti.

Ancora nel caso dei fumetti, questo approccio risulta essere vincente. Essendo una nicchia molto particolare e poco concorrenziale, è logico pensare che gli amatori di questo genere siano ben disposti a visitare altri blog che trattano il loro argomento preferito.

Nelle ricette di cucina, abbiamo lo stesso effetto, anche se l’argomento è molto diffuso. Il target dei visitatori è sempre alla ricerca di nuove idee o metodi alternativi per la stessa ricetta, per cui un commento ben piazzato, su un blog mediamente frequentato, sortirà l’effetto desiderato.

Nel fotoblog questa tecnica potrebbe lasciare l’amaro in bocca; se i commenti non vengono lasciati su blog famosi e molto trafficati, o altrettanto non sono significativamente efficaci, ad esempio di natura tecnica sulle impostazioni dello scatto, difficilmente potrete sperare di ricavarne qualche visita.

Link ad altri post di blog affini

Anche qui il discorso varia di nicchia in nicchia: oltre comunque ad essere una buona pratica SEO, linkare altri post su blog affini al proprio, sicuramente genera interesse nel blogger che viene linkato, che quasi certamente visiterà il nostro blog e perché no, restituirci un inbound link. Fate attenzione però a non puntare troppo in alto: difficilmente blog di elevato livello faranno un backlink al nostro piccolo blog, solo perché li abbiamo linkati; meglio rimanere su blog simili affini anche di visite e PageRank, anche se ultimamente per Peter Norvig quest’ultimo sembra non essere così importante.

La nicchia dei fumetti è quella che al momento reagisce meglio a questa tecnica, tuttavia si osserva un leggero calo, rispetto ai precedenti metodi.

Le ricette di cucina, subiscono il fascino di altri link come le api ai fiori; niente di meglio che corredare il proprio post di esempi da altri blog rendendolo così tanto esauriente da inserirlo nei preferiti. In questo caso ricordatevi di linkare anche i vostri post che trattano stessi ingredienti ad esempio: se fate un post sui cornetti alla marmellata, e magari ne avete fatto uno sul come fare la marmellata, non dimenticate di citarlo!

Fotoblog: anche qui la tecnica sperimentata lascia un po’ a desiderare, probabilmente vale lo stesso discorso fatto nei casi precedenti; l’argomento trattato è troppo personale ed è di conseguenza difficoltoso incontrare fotoblog affini che approcciano la fotografia nello stesso modo.

Flickr

Curiosamente anche Flickr sembrerebbe essere un metodo da proporre per ottenere un traffico qualitativamente interessato sul proprio blog. Senza troppe pretese lo utilizzo anche io su Tr3ndy, ma riconosco che in alcuni casi, può davvero fare la differenza: pensate al fotoalbum dei due coniugi che adorano Photoshop e al successo che hanno ottenuto.

Il blog di fumetti, in questo caso non utilizza Flickr per cui non è possibile stabilire quali potrebbero essere i risultati, ma sentendo gli altri, ha deciso che a breve fotograferà le copertine della sua collezione, cercando di conquistare altri visitatori… per il momento: peccato.

Su Flickr le ricette di cucina rendono abbastanza bene: le visite provenienti da quest’ultimo sono direttamente proporzionali a quanto sia sponsorizzata la fotografia. Inoltre utilizzando il servizio di Yahoo! potrete risparmiare banda riducendone al minimo il consumo; una sorta di due piccioni con una fava!

Fotoblog… il grande riscatto. Purtroppo un po’ troppo limitato al proprio account Flickr, anche se tuttavia la maggior parte dei visitatori proviene quasi esclusivamente da quest’ultimo.

Conclusioni

Fate voi stessi le vostre conclusioni: che abbiate un blog esclusivo oppure un pochino più commerciale, provate a farvi seguire su Facebook, commentate in maniera significativa altri blog e linkate altre risorse, e ricordatevi di sfruttare anche gli altri social network che il web ci mette a disposizione: Flickr, Twitter, FriendFeed e simili, vedrete che il vostro lavoro sarà presto premiato!

Ora tocca a voi, con quale altro metodo riuscite a convogliare traffico di qualità sul vostro blog?

foto credits jacreative



2 Responses

  1. Ciao, molto interessante questo post, inoltre noto con piacere che utilizzi CommentLuv, sei per caso un mio lettore? 😛

    Comunque io credo che un altro metodo importante per convogliare traffico di qualità sia utilizzare stumbleUpon, io lo utilizzo e spesso mi porta più visite dello stesso google 🙂
    .-= Dudy´s last blog ..WordPress Seo: Ottimizzazione del Template =-.

    1. Ciao Dudy,
      ti ringrazio per le tue considerazioni… anche a me è capitato di utilizzare StumbleUpon e ricevere una valanga di visite… ma una curiosità tu lo posti in inglese o in italiano?

      P.S.: Non conoscevo il tuo blog, ma posso sempre cominciare a leggerlo 😉
      CommentLuv lo utilizzo da diverso tempo e mi sembra di averlo preso in prestito da TechNotizieNews, se non ricordo male…

Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.